Una mamma speciale

Scritto da Giuseppe Capano il 12 maggio 2013 – 22:53 -

Bicchierino olio SOl 318Naturalmente anche io ho avuto una mamma, avuto perché il destino ha deciso che ci abbandonasse quando ancora avrebbe avuto alcuni decenni sicuri da vivere.
In questo senso personalmente la festeggio con frequenza, senza aspettare un giorno speciale o una ricorrenza di rito, ciò che mi ha dato e rimasto tutto e intatto, come intatta rimane la mia riconoscenza e i festeggiamenti a cui il suo ricordo mi portano con frequenza.

Con questo non voglio dire nulla di particolare su questa festa se non che come tutte le feste dedicate a persone non si dovrebbe aspettare un giorno specifico, ma dare spazio quando e come si ritiene.
Però è anche vero che le madri possono essere di tanti tipi, non solo essere umani, probabilmente tutto quello che fa parte della natura porta con se l’anima della madre.
E la giornata di oggi potrebbe essere forse più consona per festeggiare queste madri.
Questa volta mi soffermerei sul ricordare e rendere onore a una madre vegetale speciale, quella che da i natali a un figlio glorioso, profumato, aromatico, intenso, nutriente, eccellente, strategico per tutte le portate di cucina.
La madre secolare del mio amato olio da olive.
Di lei si parla poco, un po’ come tutte le madri, che hanno grandi meriti, ma poi sono i figli a brillare come fosse solo merito loro.
Così non è e la metafora concreta della madre dell’olio può essere una buona occasione per riflettere su questo.
L’olio è tutto, ma solo perché ha avuto una “bella” mamma!

Ulivi Doria 518


Tags: ,
Postato in Cibo, cultura e società, Mondo alimentare | Nessun commento »

Aggiungi un commento