Zucchine, belle e buone

Scritto da Giuseppe Capano il 17 giugno 2015 – 19:36 -

Zucchine318Le zucchine sono uno dei prodotti di stagione più consumato in assoluto e purtroppo per me e il mio modo di pensare e intendere la buona alimentazione non sono solo uno dei più usati nella loro vera stagione, ma tristemente tutto l’anno!
Pensando in positivo limitiamoci a celebrarle in questa bella stagione di pieno sole e vediamo alcune informazioni utili oltre a un piccolo suggerimento d’uso molto goloso.

Iniziamo dall’acquisto, per una buona scelta bisogna prestare attenzione a che le zucchine siano sode al tatto e di dimensioni piccole medie perché quelle troppo grandi rischiano di essere molto acquose e piene di semi.
Possibilmente poi con una bella buccia tesa, lucida e brillante, priva di ammaccature e lacerazioni, l’eventuale presenza di una leggera peluria, invece, è un significativo indice di un prodotto fresco e appena raccolto, come anche il piccolo fiore femminile che accompagna gli esemplari più giovani.
La conservazione può avvenire racchiudendo i frutti in sacchetti di carta o panni puliti messi nel classico cassetto delle verdure a una temperatura di 4-5 gradi, i tempi variano da 3 a 5 giorni massimo.
Prima di passare alla cottura e taglio le zucchine devono essere lavate con cura e possibilmente asciugate per favorire l’asportazione di tracce di terra non eliminate dall’acqua, si tolgono poi le estremità laterali e solo se lo richiede la ricetta specifica vengono sbucciate.
In cucina le applicazioni sono tante e infinite, scegliendo qualcosa di diverso possiamo vedere come abbinarle alla tradizionale e classica pasta fresca all’uovo (o anche senza uova).
Le zucchine in questo caso possono dare sapore e colore, tagliate a dadini e messe in una padella con una base di aglio, cipolla o scalogni rosolati, possono essere trifolate per 10 minuti e frullate fino a renderle cremose, avranno così perso buona parte dell’acqua interna e concentrato meglio sapore e colore.
Si aggiunge la crema agli impasti di farina legando con soli tuorli d’uovo o in alternativa con un po’ di lecitina di soia sciolta in poca acqua, ecco la base per future tagliatelle o tagliolini al sapore e colore di zucchine!
Se invece di frullarle le si schiaccia con una forchetta e mescola con patate lessate, mollica di pane bagnata con latte o formaggi morbidi si ottiene un ottima farcia per ravioli di magro da condire magari con un profumato e intenso olio da olive di qualità come tanti ci sono fortunatamente in Italia!!!

Zucchine con fiore 518


Tags:
Postato in Alimenti, Mondo alimentare | 4 Commenti »


4 Commenti per “Zucchine, belle e buone”

  1. Elena Scrive il Jun 26, 2015 | Replica

    Molto interessante la possibilità di legare la farina delle tagliatelle con lecitina e acqua…eventuale dose per 500 gr di farina?

  2. Giuseppe Capano Scrive il Jun 28, 2015 | Replica

    Ciao Elena,
    scusa la tardiva risposta, ma ero recluso in cucina!!!
    La dose è di circa 4 cucchiai, ma dovrei spiegarti bene il procedimento, magari dedicherò un post apposito.
    A presto
    Giuseppe

  3. Elena Scrive il Jun 29, 2015 | Replica

    Grazie chef! a me interessano sempre di più questi dettagli tecnici..attendo un posto dedicato al problema!

  4. Giuseppe Capano Scrive il Jun 30, 2015 | Replica

    Ciao Elena,
    spero di trovare il tempo e accontentarti presto!!!
    Giuseppe

Aggiungi un commento