L’orzo non solo come primo

Scritto da Giuseppe Capano il 31 ottobre 2013 – 23:07 -

Assaggio di orzo alla verza con salsa di zucca 318Nell’ultimo giorno di ottobre ho lavorato come un pazzo completamente ignaro per quanto mi riguarda delle feste alle porte a cominciare da quella di questa notte.
Che dire? Beato chi in queste ore può permettersi di divertirsi, tutto sommato se lo fa con vero piacere non può che essere un bene, a me sembra che spesso più che piacere sia dovere convenzionale e rituale abbastanza senza senso, ma forse è solo la stanchezza a non farmi capire!

Comunque dal faticoso lavoro in cucina abbiamo ottenuto delle belle soddisfazioni e siccome pensavo ai miei lettori del blog ho trovato comunque quella mezzoretta per assemblare una stuzzicante ricetta sfruttando la produzione già in essere tra i fornelli.
Queste si chiamano sinergie e per me sono vitali, altrimenti chi riuscirebbe mai fare tutte queste cose insieme?
Vi racconto allora di un bel orzo perlato di alta qualità biologica che abbiamo cotto come base di diverse cose e che avendo della verza li in attesa ho deciso di abbinare in una chiave stagionale in cui non poteva che comparire, oggi, la zucca.
Così si è voluto anche pensare a un cereale non con il solito ruolo di primo piatto, ma in una più insolita veste di apripista a pietanze più “massicce”.
Almeno non vediamo relegato l’ottimo orzo solo ai soliti abbinamenti come le zuppe!
Passo direttamente ora alla ricetta, perché mi sa che è già tanto se riesco a scriverla senza crollare prima definitivamente!

 

Assaggio di orzo alla verza con salsa di zucca

Assaggio di orzo alla verza con salsa di zucca

Ingredienti per 4 persone:

  • 500 g di cavolo verza,
  • 1 spicchio d’aglio,
  • 150 g di fagioli cannellini lessati,
  • 200 g di zucca pulita,
  • ½ cucchiaino di rosmarino fresco tritato,
  • 200 g circa di orzo perlato lessato,
  • 2 cucchiai di pangrattato,
  • 4 pomodori secchi sottolio,
  • noce moscata,
  • pepe,
  • olio extra vergine d’oliva,
  • sale

Preparazione

  1. Lavare con cura la verza e lessarla in poca acqua per 20 minuti circa fino a renderla tenera, scolarla, intiepidirla e tagliuzzarla in piccoli pezzi.
  2. Sbucciare e tritare l’aglio, rosolarlo brevemente con 3 cucchiai di olio, aggiungere la verza e i fagioli, salare e pepare, cuocere per 5 minuti abbondanti e frullare fino a ottenere una densa crema.
  3. A parte tagliare la zucca a fette e cuocerla a vapore per 10 minuti circa, una volta pronta frullarla con un pizzico di sale, una grattugiata di noce moscata, 1-2 cucchiai d’olio mescolato con il rosmarino e l’acqua di cottura della stessa zucca sufficiente a ottenere una salsina densa.
  4. Mescolare la crema di verza con l’orzo e scaldare in una padella, trasferire in uno stampo a piramide o altra forma e capovolgere al centro dei piatti.
  5. Far colare sopra la salsina calda di zucca e decorare con il pangrattato tostato brevemente e mescolato con i pomodori secchi tritati.


Tags: , , ,
Postato in Antipasti, Ricette senza Latticini, Ricette senza Uova, Ricette vegane | 7 Commenti »


7 Commenti per “L’orzo non solo come primo”

  1. Elena Scrive il nov 1, 2013 | Replica

    Semplice e d’effetto, come piace a me!

  2. Giuseppe Capano Scrive il nov 2, 2013 | Replica

    Grazie mille Elena!
    A presto

    Giuseppe

  3. valentina Scrive il nov 5, 2013 | Replica

    e questa?????me l’ero persa!splendida.la crema calda, bella morbida.i cannellini, la verza e l’orzo….troppo gustosa!sappi che ti invidio molto lo stampino a piramide che ricordo avevo già visto nella ricetta del riso rosso con le lenticchie.Io non lo trovo.ce l’ho quadrato, rettangolare, ovale, rotondo di mille misure…e a piramide mi manca!e mi piace troppo.

  4. Giuseppe Capano Scrive il nov 5, 2013 | Replica

    Ciao Valentina,
    no ma dai in qualche modo lo trovi online lo stampino a piramide, ormai si usa con frequenza, il mio in metallo arriva direttamente da un fornitore di attrezzatura alberghiera e li proverei a guardare, come minimo te lo procurano.
    Altrimenti ci sono di sicuro quelli in silicone.
    Sono convinto che la tua prossima ricetta sarà a triangolo!!!
    A presto
    Giuseppe

  5. valentina Scrive il nov 5, 2013 | Replica

    giusto,quelli in silicone.non ci avevo pensato.anche se il metallo compatta meglio.devo trovarlo.grazie dei consigli

  6. Giuseppe M. Scrive il nov 6, 2013 | Replica

    Sicuramente buonissimo, da provare! Ieri ho provato con miglio e fagioli azuki, sempre con pomodori secchi e timo, con crema di zucca ottenendo un buon risultato. Proverò sicuramente anche questa. Grazie!

  7. Giuseppe Capano Scrive il nov 6, 2013 | Replica

    Grazie a te Giuseppe per i tuoi riscontri,
    spero che la ricetta ti soddisfi in pieno e magari aspetto il tuo parere!
    A presto
    Giuseppe

Aggiungi un commento