Una ricetta per alimentare il corpo e l’anima

Scritto da Giuseppe Capano il 2 agosto 2012 – 13:38 -

Spaghetti profumati alla menta con cipolle rosse, carote e fagiolini lunghiEccoci oggi alla pubblicazione della ricetta di cui parlavo ieri, certe intuizioni mi gratificano molto, così quando ho pensato di accompagnare la rossa cipolla Calabrese a fondersi nel profumo olio di pregiate olive accompagnata dalla profumatissima menta fresca l’esito finale mi ha soddisfatto assai.
E mi ha regalato un bel collegamento di terra, la stessa terra che ospita le piante di olive oltre a tanti altri ortaggi ospita la menta, stessa madre per entrambi con figli così diversi e così sempre belli da rimanere estasiati.

Peccato che in molti abbiano perso questa ammirazione per la terra, del resto è pur vero che chi nasce in una città di asfalto e cemento puro difficilmente immagina come questi elementi, per quanto figli della nostra tecnologia, siano materia inanimata.
Al contrario di quanto è viva e generatrice di frutti la terra, una frase forse banale e scontata, ma onestamente profondamente vera.
Mi lascia piuttosto molto impressionato che chi è nato e continuare a vivere nella terra (non tutti per nostra fortuna!!) ammiri così stupidamente asfalto e cemento, rinneghi il valore di tutta la natura che ha la fortuna di incontrare quotidianamente, ambisca a ricchezze materiali che poi portano solo a tanta insoddisfazione dell’anima e dello spirito.
Sostengo da tempo e ne sono sempre più convinto che la nostra alimentazione deve essere duplice, quella concreta del buon cibo da consumare, quella spirituale che invece è necessario alimenti l’anima.
Fin quando soddisferemo solo la prima miti come un corpo perfetto, una buona salute, un efficienza intellettuale, solo miti rimarranno, malgrado i buffoni guru che continuano a scrivere libri di alimentazione in cui affermano di aver trovato la formula del miracolo.
Fate molta attenzione che il miracolo non sia solo per le loro tasche perché alla vostra salute poco importa se la colpa è di chi ha scritto un libro!!
Comunque tornando alla ricetta la menta è il filo conduttore che mi ha portato così facilmente a valorizzare gli eccellenti fagiolini lunghi di cui ho già tanto raccontato ieri.
Avevo diverse persone a tavola e tutti hanno apprezzato, spero sia lo stesso anche per voi.
Eccovi la ricetta.

 

Spaghetti profumati alla menta con cipolle rosse, carote e fagiolini lunghi

Spaghetti profumati alla menta con cipolle rosse, carote e fagiolini lunghi

Ingredienti per 4 persone:

  • 4 cipolle rosse,
  • una manciata abbondante di foglie di menta fresca,
  • 2 carote medie,
  • 300 g di fagiolini lunghi,
  • 320 g di spaghetti integrali,
  • 150 g di provola silana fresca,
  • olio extravergine d’oliva Doria Sud,
  • sale

Preparazione

  1. Sbucciare le cipolle rosse e affettarle sottilmente, metterle in una padella con alcuni cucchiai di olio e la metà delle foglie di menta intere, salarle leggermente e rosolarle per 10 minuti abbondanti a calore medio.
  2. Pulire le carote e con un pelapatate ridurle in lunghe e sottili strisce, aggiungerle alle cipolle e lasciarle cuocere solo per 3-4 minuti circa.
  3. Pulire e lavare i fagiolini lunghi, lessarli per meno di 5 minuti in abbondante acqua bollente salata, scolarli con una schiumarola travasandoli in acqua ghiacciata e al loro posto lessare gli spaghetti al dente.
  4. Nel frattempo tritare finemente la provola silana fresca con le restanti foglie di menta, se troppo lunghi dividere a metà i fagiolini cotti.
  5. Scolare gli spaghetti non troppo asciutti e saltarli nella padella delle cipolle unendo anche i fagiolini, distribuire nei piatti e completare con il formaggio alla menta.

Tags: , , , ,
Postato in Cucina Biologica, Olio-Cibo, Primi, Ricette di stagione, Ricette estive, Ricette senza Uova, Ricette vegetariane | 2 Commenti »


2 Commenti per “Una ricetta per alimentare il corpo e l’anima”

  1. alessandra Scrive il ago 3, 2012 | Replica

    come sempre bellissime parole le tue, e sane considerazioni, tanto sane da saper alimentare bene anche l’anima di chi le legge e che, nella vita della terra, cerca e intravede quell’infinito che disseta senza sosta le nostre siccità!

  2. Giuseppe Capano Scrive il ago 3, 2012 | Replica

    Grazie Alessandra, molto belle anche le tue parole, speriamo lascino il segno in tanti!!
    A presto
    Giuseppe

Aggiungi un commento